Categoria: 

RECORD SALITA E DISCESA DAL MONTE BIANCO

Sottotitolo: 
Marco De Gasperi riesce ad abbassare il precedente record di Fabio Meraldi…

Maurizio Torri
16/7/2015
Tags: 
record salita discesa monte bianco
marco de gasperi
2015
courmayeur

Dopo l’Ortles il Bianco. Il campionissimo della corsa in montagna non finisce più di stupire salendo e scendendo da questa mitica vetta in 6h43’52”....

Boy Mountain Dreams, il nuovo progetto alpinistico del sei volte iridato della corsa in montagna prosegue a ritmi serrati. Messo in bacheca il primato di salita e discesa dall’Ortles, che solo qualche giorno fa lo aveva visto salire in vetta e ridiscendere in 2h36’50” affrontando circa 20 km per oltre 4.400 metri di dislivello totale, questa mattina il portacolori della Forestale si è addirittura superato andando a battere un eccellente primato del 1995 che apparteneva niente  meno che a “le roi” dello scialpinismo e delle corse a fil di cielo Fabio Meraldi. All’epoca trentenne, il fuoriclasse di madonna dei Monti affrontò i 3750m di salita che distanziano Courmayeur (1224mslm) dalla vetta del Bianco (4810mslm) e ridiscese in piazza a Courma in 6h45’24”. Il tutto affrontando una distanza di 49,6 km che lo ha visto salire e ridiscendere sulla Via Normale Italiana o Via Ratti, passando dal Rifugio Gonella e dal Dôme du Goûter.

 

Meraldi si trovò ad affrontare condizioni non facili visto che la sera prima del record aveva nevicato in quota e dovette quindi battere traccia in tutta la parte sommitale. Ora le condizioni non sono certo migliorate. Dalla neve al caldo, da un manto compatto a un dedalo di crepacci. Negli ultimi 20 anni, infatti, il ghiacciaio è arretrato e si è modificato. Per giunta il gran caldo degli ultimi giorni non ha certamente agevolato il runner della scuderia Scott. Difficile quindi parlare di nuovo record, sarebbe più corretto dire che sia Meraldi, sia De Gasperi hanno compiuto un’impresa alpinistica magistrale. Già perché in questo ampio di tempo la via di accesso al Bianco scelta dai due campioni si presenta in condizioni differenti.

 

Difficile confrontare o paragonare le due ascese. Ciò che è sicuro è che il migliore crono di salita e discesa è ora quello del sei volte iridato della corsa in montagna. Un primato importante che ribadisce la sua classe cristallina e conferma quanto a suo tempo fosse forte Meraldi.  Crono alla mano, nonostante il gran caldo, ponti di ghiaccio instabili e crepacci giganti, De Gasperi  ha posto un’altra pietra miliare in una carriera irripetibile.

 

(CREDIT FOTO Fabio Menino)

 

Commenti

Grande Marco ero su la col Folgore 11 anni fa lo stesso giorno e non si vedeva na mazza..!

Aggiungi un commento