.Scarpa

Categoria: 

De Lorenzi fa sognare l'Italia del Biathlon

Maurizio Torri
7/12/2008

Al poligono è risultato il più veloce e il più preciso di tutti

Christian De Lorenzi fa sognare l’Italia del Biathlon. Nel primo pomeriggio di ieri il ventottenne alpino della Magnifica Terra ha letteralmente dato spettacolo sulle nevi svedesi di Oestersund chiudendo 5° assoluto nella seconda gara della prima tappa di Coppa del Mondo. Piazzamento, questo, che è anche il suo migliore in carriera dopo due sesti posti maturati in diversi anni di nazionale A: «Sono felice e nel contempo so che si poteva fare meglio – è stato il suo commento caldo -. Prima della gara avrei firmato per un simile piazzamento. Con il senno di poi, l’essere ad un soffio dal podio lascia un poco d’amaro in bocca». Un rammarico comprensibile il suo, ma va benissimo così: «Certo – ha proseguito -. Dopo l’opaca uscita di mercoledì ero in cerca di riscatto e l’averlo trovato alla prima occasione buona fa sicuramente piacere». Analizzando la sua performance, fa impressione notare che De Lorenzi ha totalizzato il miglior tempo al poligono staccando per giunta uno (0+0). «Quest’estate mi ero allenato a sparare veloce; con questa tecnica la possibilità di sbaglio si alza di molto, ma sono convinto che il pensare troppo in determinate situazioni serve a ben poco. Ieri non ho avuto il tempo di penare ed ho ottenuto il meglio nel minor tempo possibile». Volendo essere sin troppo puntuali, per calcare il podio è forse mancato qual cosina su gli sci: «Lo penso anche io, ma so di stare bene. La cosa non mi preoccupa. Oggi mi attende la 12.5 ad inseguimento e per una volta proverò le brezza di partire avanti. Vedremo..». Già, ora che si è cominciato a sognare, perché non farlo in grande: «Non dico nulla – ha concluso De Lorenzi -. Come al solito darò il massimo; non voglio però avere particolari pressioni o velleità. So che comunque sia sarà durissima». Tornando ala gara di ieri, eccellente è stata anche la performance del giovane Markus Windish – 7° con (0+0) -. Se l’esperto Vuillermoz i è qualificato per un soffio alla pursuit – 57° (0+3) -, Cristian Martinelli e Nicola Pozzi sono giunti a dir poco attardati – 71° e 91° -. Nella 10k sprint di Obertiliach, il finanziere Mattia Cola è giunto 5° a 30” dal 1° e a soli 12” dal podio. Davanti a lui l’altro azzurro Mussner.

Aggiungi un commento