Categoria: 

TROFEO VERTEMATE 2018 - PROSTO DI PIURO (SO)

Sottotitolo: 
Al via 350 giovani da tutta la Lombardia....

16/4/2018
Tags: 
trofeo vertemate 2018
prosto di piuro
sondrio

In “cabina di regia” il Gruppo Podistico Valchiavenn coadiuvato dagli amici del gruppo ANA e Protezione Civile e dal Gruppo Sportivo Piuro...

Percorsi ben preparati che si sviluppano nei boschi nei pressi del “Palazzo” da cui il trofeo prende il nome, una delle più belle dimore storiche (del 500) della Lombardia, salvatasi dalla frana che, esattamente 400 anni fa, nel 1618, distrusse il ricco paese di Piuro. 

Percorsi non durissimi (ma impegnativi) che, subito dopo la partenza, entrano nei giardini e nel castagneto del Palazzo, assumendo un fascino particolare e concedendo l’opportunitàdi ammirare le bellezze del giardino, della vigna, dei rustici che circondano il palazzo principale e, per chi volesse andare oltre, le ricchezze celate dal Palazzo stesso.

 

Via alla manifestazione alle ore 9.10, con gare promozionali dedicate ai più piccoli, bambine e bambine delle categorie esordienti C, nati dal 2011 in poi, che, con grande divertimento, si avvicinano ad uno sport sano e corretto, ricevendo, all’arrivo, un piccolo premio, uguale per tutti, senza una graduatoria ufficiale.  

 

Nessuna premiazione ufficiale ma, per tutti, premi all’arrivo, anche per gli esordienti B, nati nel 2009 / 2010.  Tra le bambine bel primo posto per Matilde Paggi, del GP Valchiavenna, seguita da Maria Ciaponi (Gp Talamona) e da Giuliana Gianola (As Premana). 

AS Premana in testa anche tra i bambini, con Marco Fazzini a precedere Alessandro Contessa e Elia Rampodi, entrambi dell’Atletica Alto Lario

 

Alle 9.30 via alle gare degli esordienti A, i primi a “entrare a Palazzo”, con un percorso di ca 800 metri, con un dislivello contenuto ma, comunque, con una prova impegnativa, considerata la giovane età degli atleti stessi, nati nel 2007 e 2008.

Nella categoria femminile, vittoria per un’altra piccola “atleta di casa”, Gini Noemi del GP Valchiavenna, capace di precedere, di 5 secondi, Teresa Buzzella del GP Santi Nuova Olonio e, un po’ più staccata, Martina Galimberti, della “bergamasca” Atletica Valle Brembana.

 

Nella gara “maschile”, uguale percorso e “doppietta” per due giovani della AS Premana, con Oscar Luigi Pomini a precedente, di solo due secondi, HubertPomoni.  Gradino più basso del podio per Filippo Bertazzini, della Polisportiva Albosaggia.

 

Via, a seguire, alle gare regionali, valide per la prima prova del Campionato Regionale di società giovanile di corsa in montagna ecome prima prova del Trofeo Crippa (categorie Ragazzi / Cadetti) e del Trofeo Crema-Marini (Allieve e Allieve).

 

Gare combattute, quelle regionali, con buoni valori “in campo” e con atleti che, già in passato, nella corsa in montagna o in altre specialità della corsa, hanno dimostrato ottime potenzialità, raggiungendo buoni risultati, anche di livello nazionale.

 

Nella categoria Ragazze (come nelle altre gare), bagarre fino dai primi metri di un percorso di ca. 1.600 metri che, dopo la salita nel castagneto del Palazzo, si dirige, sui sentieri nel bosco, verso la Cascata dell’Acquafraggia, altra ricchezza (questa volta naturale) del paese di Piuro.

Prima a transitare sotto il “gonfiabile” dell’arrivo, Rossella Ghilotti, dell’Atletica Alta Valtellina, con discreto distacco (circa 12 secondi) su Elisa Rovedatti, atleta del GS CSI Morbegno già in evidenza, durante l’inverno, nelle gare di corsa campestre regionali.

Terza al traguardo Marina Gianola, ancora dalla AS Premana, società della vicina Valsassina, capace di coinvolgere, nella propria attività sportiva, un numero molto elevato di bambini e ragazzi.

 

Uguale percorso per i pari età maschile, con vittoria ad un atleta della “bergamasca” US Rogno, Nicola Morosini, capace di staccare i valtellinese Jacopo Daniele Ciapponi (Gp Talamona) e Gabriele Sutti (GsValgerola), al traguardo, in questo ordine, dopo un avvincente sprint finale.

 

 

Aumenta l’età degli atleti, aumentano i metri da percorrere e i dislivelli  da “superare” e aumenta, anche, la “conoscenza” degli atleti e atlete che, correndo da qualche anno, sono stati capaci, più volte, di mettere in evidenza le proprie potenzialità, con ottimi risultati già raggiunti.

 

Nelle cadette, impegnate su un giro “grande” del percorso (per ca 2.475), al via atlete già selezionate, lo scorso anno o durante l’inverno, a rappresentare la Lombardia anche in varie competizioni nazionali.  

Vittoria per Chiara Begnis (Atletica Valle Brembana), capace di precedere Serena Lazzarelli, della società organizzatrice, il GP Valchiavenna, e Alina Scottoni (GsValgerola).

Chiara e Serena, avversarie ma amiche, più volte nelle rappresentative regionali (di corsa in montagna e di corsa campestre), spesso con Sofia, gemella di Chiara, oggi in giornata no, costretta al ritiro prima del traguardo.

 

Altri ottimi risultati, per gli atleti della provincia di Sondrio, nella gara cadetti, impegnati su due giri del percorso medio, per quasi 3.500 metri e con un dislivello di 174 metri.

Primo posto per il “malenco” Matteo Bardea (AS Lanzada), a precedere Davide Curioni del GP Santi Nuova Olonio, anche egli, quest’inverno, selezionato nella rappresentativa regionale Lombarda per il campionato nazionale di corsa campestre

Terzo posto per Luca Vanotti, della Polisportiva Albosaggia.

 

Infine via alle gare valide per il trofeo “Crema-Marini”, riservato a Allieve e Allievi.

 

 

Per le allieve percorso uguale a quello dei cadetti, con vittoria per Samantha Bertolina, dell’Atletica Alta Valtellina, atleta già ai vertici regionali nella corsa (campestre e di montagna) ma, soprattutto, capace di svettare, nello sci d’alpinismo, a livello europeo.

Seconda piazza per Paola Poli della Atletica Valle Camonica e terza per Giulia Savoldelli, della “Atletica Alta Valle Seriana”.

 

Per gli allievi il percorso più duro, con due giri “grandi”, 4.700 metri da percorrere e dislivello da superare per quasi 230 metri.

Anche negli Allievi, a svettare, un atleta che si divide tra corsa e sci d’alpinismo, Alessandro Rossi, della AS Lanzada, capace di precedere Alessandro Crippa (Atl. Alta Valtellina) e Pietro Gherardi (Atletica Valle Brembana), già campione italiano nella staffetta (sempre in montagna) nella categoria cadetti.

 

 

A svettare, con grande margine, e ad aggiudicarsi il 5° trofeo “Palazzo Vertemate – Franchi” (offerto dal Comune di Chiavenna)  la “AS Premana”, presente con un gran numero di giovani atleti capaci di raggiungere ottimi piazzamenti

Secondo posto per AS Lanzada e terzo per GS Valgerola.

 

 

Dopo la prova di Prosto di Piuro, prossimi appuntamenti, per definire le classifiche di società dei  trofei regionali, a San Pellegrino Terme (Bg) il  29 aprile, a Premana (Lc) il 13 maggio e a Brembilla (BG) il 20 maggio.

 

 

 

 

Aggiungi un commento