Categoria: 

LEDRO SKYRACE 2018 - LEDRO (TN)

Sottotitolo: 
Gil Pintarelli sempre più leader del Laspo Circuit...

10/6/2018
Tags: 
ledro
ledro skyrace
ledro skyrace 2018

Il circuito La Sportiva Mountain Running Cup fa scalo sul lago di Ledro per una bella gara da 19km con 1650m di dislivello positivo....

l trentino Gil Pintarelli (Team Crazy Idea) e l’altoatesina Annelise Felderer (Lauffreunde Sarntal) hanno vinto solitari la terza Ledro SkyRace - Senter dele Greste, gara disegnata in quota nella Valle di Ledro, tra le sponde del celebre lago dalle acque color cobalto e l’aerea cresta che 1300 metri più in alto segna lo spartiacque tra Ledro ed il Garda Trentino. Un piccolo paradiso capace di regalare scorci panoramici ineguagliabili, dalle Dolomiti di Brenta agli Appennini, ai ghiacciai alpini del Carè Alto e Adamello. 

 

 

L’edizione 2018 passerà agli annali per i record di presenze e per le rivincite agonistiche: secondi dodici mesi fa, Pintarelli e Felderer sono riusciti a centrare l’impresa che ancora mancava loro tra le competizioni d’alta montagna più quotate in Italia. “Avevo solo un obiettivo: vincere” non a caso ha detto alla fine il quasi trentasettenne Pintarelli, trentino della Valsugana ma trapiantato in Val di Rabbi: ed è stato proprio lui a tagliare per primo il traguardo dopo 1h54’33 di gara, il tempo necessario per affrontare i 19 chilometri con circa 1600 metri di dislivello positivo della Ledro SkyRace; 2h20’26 invece il tempo staccato dalla Felderer, trentottesima assoluta all’arrivo.

 

 i vincitori delle due precedenti edizioni, l’altoatesino Martin Stofner - secondo in 1h55’19 - ed il trentino Andrea Debiasi (Team Crazy Idea), primo nel 2016 ed oggi terzo in 1h56’44; quarto posto quindi per l’altoatesino Andreas Reiterer (Team LaSportiva), con Marco Leoni (Team Crazy Idea), Filippo Bianchi (Team Scarpa), Daniel Antonioli (Team Scarpa), Patrick Facchini (Team LaSportiva) e Christian Modena (Team Mud&Snow) a completare la top ten giornaliera.

 

 

 

 

La gara femminile si è invece risolta già nella fase di salita, quando Paola Gelpi (Team LaSportiva) - una delle principali favorite della gara - ha alzato bandiera bianca dopo un avvio lanciato. Annelise Felderer ha così preso in mano le redini, senza mai lasciarle fino all’arrivo. Un autentico dominio per la sudtirolese di Sarentino, prima a transitare anche a Cima Parì (1h25’57) per salire sul gradino più alto di un podio completato dalla polacca Viktoria Piejak (2h27’04) e dalla bergamasca Daniela Rota (Team LaSportiva, 2h29’33), con l’azzurra dello sci alpinismo Elena Nicolini (Team LaSportiva) in quarta posizione, davanti all’altra trentina Giulia Orlandi (Comano Mountain Runners).

 

 

Clicca qui per le classifiche!!

Aggiungi un commento